Come isolare una stanza dal caldo e dal freddo


Uno dei maggiori problemi delle case degli Italiani è che hanno una struttura molto vecchia, la maggior parte del patrimonio immobiliare Italiano risale agli anni 50/60 e da allora non si è mai effettuato un piano di riqualificazione, per questo una buona parte di queste unità immobiliari presentano i vari problemi di muffa, umidità oppure di forte freddo in inverno e troppo caldo nei periodi estivi. All’epoca in ambito edilizio non esistevano concetti come efficienza energetica, isolamento termico etc… quindi si costruiva con criteri che nel tempo si sono dimostrati inefficaci sia per il confort abitativo interno che per i costi di gestione, per questo è importante capire quali sono gli interventi da effettuare sia su specifiche stanze oppure sul totale dell’abitazione per ottenere dei risultati migliori in termini di risparmio energetico e qualità interna.

Come isolare una stanza dal caldo

Sarà capitato spesso di ritrovarsi la casa o una stanza in particolare troppo calda durante il periodo estivo, questo capita specialmente alle unità immobiliari che si trovano all’ultimo piano oppure che hanno delle pareti esposte al sole per molte ore, quando la temperatura interna supera i 30° la vivibilità inizia ad essere difficoltosa e si necessita del supporto dei condizionatori che comporta una spesa in energia elettrica importante. Quindi la domanda che si pongono in tanti è : come isolare una stanza dal caldo? esistono varie tecniche che possono essere utilizzate in specifiche situazioni, la più efficace è quella di utilizzare dei pannelli isolanti dall’interno oppure dall’esterno sulle pareti maggiormente esposte al sole, in modo da ridurre notevolmente il passaggio di calore nelle mura dall’esterno all’interno, lana di roccia o pannelli in polistirene sono i più diffusi in quanto garantiscono una bassa conducibilità termica e quindi migliori risultati in termini di resa. La tecnica dei pannelli esterni è difficoltosa in quelle situazioni come condomini o palazzi, in quanto l’applicazione richiede il permesso del condominio e l’accessibilità difficile può creare problemi, quindi in quelle circostanze si può rimediare utilizzando dei pannelli interni con spessore più ridotto oppure per edifici con pareti perimetrali munite di intercapedine si può effettuare l’insufflaggio di materiale isolante all’interno dell’intercapedine creando una barriera, queste due tecniche hanno una buona resa ma non garantiscono gli stessi risultati dei pannelli esterni, ma comunque migliorano il confort interno.


Come isolare una stanza fredda

Come per il caldo eccessivo in Estate si presenta in Inverno anche il freddo nelle stanze, questo problema si presenta sempre perché non c’è una adeguata coibentazione delle pareti e quindi il calore interno riesce ad uscire, di conseguenza per riscaldare la casa bisogna sempre avere a regime i caloriferi che comporterà una spesa maggiore, quindi per isolare una stanza dal freddo si utilizzano più o meno le stesse tecniche descritte in precedenza, ma con alcuni accorgimenti importanti. Oltre l’applicazione di pannelli isolanti in inverno è molto utile ottimizzare l’efficacia dei caloriferi, applicare un pannello termo riflettente nella parte posteriore del termosifone aiuta a riflettere il calore nella stanza riducendo la dispersione nella parete, utilizzare infissi con doppi vetri e coprire tutti i possibili spifferi che creano delle correnti interne all’abitazione.

Isolare parete interna a nord

Molte volte non tutti sanno che esistono delle aree critiche all’interno delle abitazioni che favoriscono determinati fenomeni come la comparsa di muffa o umidità, l’area critica per eccellenza sono le pareti esposte a nord in quanto non sono mai riscaldate dal sole e quindi sono perennemente fredde e favoriscono i fenomeni appena citati. Contrastare questo fenomeno è davvero difficile, un intervento efficace dovrebbe avere come obiettivo quello di portare la parete esposta a nord alla stessa temperatura delle altre, in modo da non avere una parete bagnata oppure non favorire la comparsa di ponti termici e muffa, la prima cosa da fare è utilizzare una termocamera per vedere la temperatura della parete e come sono distribuite le dispersioni, dopo si valuta la temperatura minima da raggiungere per risolvere il problema ed infine si agisce con un isolamento specifico della parete interna esposta a nord con i strumenti più idonei al caso;  è fondamentale che il lavoro sia effettuato da professionisti del settore in modo che si valutino gli spessori ideali per i pannelli ed i materiali più opportuni al caso.

Isolamento Termico All posts
Nuovo presidente ANPE

Nuovo presidente ANPE Isolamento termico

ANPE Assemblea e rinnovo cariche sociali , eletto il nuovo Presidente Si è svolta a ...