Facciate ventilate isolate e sicure con Stiferite


Per il dott. Federico Clementi, responsabile del Clementi Hotels Group, non ci sono dubbi: “Il turismo italiano è chiamato in questi anni a dare una risposta a sfide dettate da un contesto competitivo sempre più difficile, sia per ragioni connesse alla crisi economica sia per lo sviluppo di nuove destinazioni internazionali di vacanza. Destinazioni dove le strutture turistico-ricettive possono sfruttare un minor costo di fattori primari per il nostro settore di attività quali la manodopera e gli oneri fiscali. A tutto questo il turismo italiano può rispondere solo con una profonda riqualificazione della propria offerta, cercando di consolidarne la elevata qualità al fine di attrarre un target di visitatori sempre più selezionato”.

Con questo approccio, fortemente orientato alla qualificazione della struttura, il dott. Clementi ha affrontato il tema dell’ammodernamento dell’Hotel Beach International di Lignano Sabbiadoro, un albergo di categoria 4 stelle, inaugurato nel 1970, ed acquisito da Clementi Hotels Group nel 2006.
La struttura alberghiera occupa i primi quattro piani e le ali laterali di un grande complesso adibito, nei piani superiori, a residenze private ed ha una posizione strategica, sul lungomare di Lignano Sabbiadoro, che contribuisce a valorizzarne la qualità dell’offerta, testimoniata dal consolidato rapporto con una affezionata Clientela, proveniente in prevalenza dall’Austria e dalla Germania.
Tra gli obiettivi della Committenza, oltre alla riqualificazione estetica ed energetica, rientrano anche quelli della sostenibilità ambientale: “Nel nostro caso” afferma il dott. Clementi, “l’ ammodernamento dell’albergo è stato sviluppato con una particolare attenzione alla tutela dell’ ambiente e seguendo l’idea, che ci è cara, di un turismo eco-sostenibile. Abbiamo infatti aderito al protocollo internazionale “eco-green hotel” e siamo, con orgoglio, tra le poche strutture ricettive dell’Alto Adriatico che si sono riqualificate dal punto di vista energetico”.
A intervento concluso il giudizio della Committenza è ampiamente positivo: ”I nostri ospiti hanno dimostrato di apprezzare la qualità della ristrutturazione, l’efficienza energetica e il comfort della struttura sono notevolmente migliorati e l’attività del cantiere è stata più rapida e meno invasiva di interventi più tradizionali per il rifacimento delle facciate”.


Estetica, efficienza e sostenibilità

Il progetto di ristrutturazione ha interessato anche le pareti perimetrali della struttura che sono state interamente rivestite da un sistema a facciata ventilata.
Gli elementi di finitura adottati sono costituiti da lastre in alluminio con una verniciatura, di colore bianco, particolarmente resistente alle atmosfere marine e all’azione aggressiva della salsedine.
La dimensione delle lastre, realizzate in gran parte su misura, è stata accuratamente definita per adattarsi al meglio alla conformazione dell’edificio e per ottenere superfici di grande pulizia formale, elegantemente scandite dalle linee di giunzione e sapientemente valorizzate dall’illuminazione a led delle facciate.
Il fissaggio delle lastre di finitura al telaio metallico è stato realizzato dall’impresa applicatrice, Atena spa di Gruaro (VE), utilizzando, in funzione dei diversi punti della facciata, sistemi a baionetta e a incastro in grado di garantire la continuità della superficie e il migliore risultato estetico.
Lo strato isolante del sistema a facciata ventilata è costituito da pannelli STIFERITE FIRE B in schiuma polyiso rivestita su una faccia da velo vetro mineralizzato e sull’altra, da posizionare sul lato maggiormente esposto al rischio incendi, da un velo vetro addizionato da fibre minerali denominato STIFERITE FIRE B facer®.
L’efficienza isolante dei pannelli STIFERITE FIRE B ha permesso, utilizzando spessori significativamente ridotti rispetto a quelli di materiali alternativi, il raggiungimento della trasmittanza termica limite, 0,27 W/m2K per la zona climatica E, stabilita per il riconoscimento della detraibilità fiscale dell’opera. Il solo pannello isolante STIFERITE FIRE B, installato nello spessore di 90 mm, garantisce infatti una trasmittanza termica pari a 0,29 W/m2K.
La scelta del materiale isolante è stata orientata, oltre che dalla valutazione della sua efficienza, anche da altri criteri quali:

• la leggerezza e la lavorabilità
• la resistenza meccanica all’azione dei fissaggi
• la stabilità dimensionale
• la resistenza agli shock termici e alle temperature di esercizio elevate determinate dall’irraggiamento
• la compattezza e la durabilità che caratterizza la schiuma poliuretanica
• l’assenza di rilascio di fibre o polveri all’interno della camera di ventilazione
• la disponibilità di dati relativi agli impatti ambientali del materiale.

Con particolare attenzione sono stati valutati anche gli aspetti di sicurezza e di prevenzione incendi che, nel caso delle facciate ventilate assumono un particolare rilievo.

hotel

Facciate ventilate e prevenzione incendi

Il pannello STIFERITE FIRE B è stato appositamente progettato per rispondere alle esigenze di sicurezza delle facciate ventilate e di tutte le altre applicazioni che richiedono elevate prestazioni di reazione al fuoco.
STIFERITE FIRE B, grazie alle caratteristiche della schiuma che lo compone ed all’esclusivo rivestimento, STIFERITE FIRE B facer®, ottiene la migliore classificazione attribuibile a materiali organici, la Euroclasse di reazione al fuoco B s1 d0.

Il livello di sicurezza delle facciate in genere è a tutt’oggi privo di una regola tecnica cogente ma, come regola volontaria, per gli edifici con un’altezza antincendio superiore ai 12 metri, si utilizza la Guida per la determinazione dei “Requisiti di sicurezza antincendio delle facciate negli edifici civili” emanata dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco nel 2013.
La classificazione di reazione al fuoco prevista dalla Guida, per gli isolanti termici applicati in facciate ventilate e in altre tipologie di pareti isolate dall’esterno che non comportino la presenza di protezioni superficiali, è la B s3 d0, inferiore quindi, per quanto riguarda gli aspetti di sviluppo di fumi, a quella garantita dal pannello STIFERITE FIRE B.

Dati cantiere
Riqualificazione energetica Hotel Beach International – Lignano Sabbiadoro (UD)

Committente: Hotel Beach International
Progettista e Direttore Lavori: Arch. Gianni Clementi – Portogruaro (VE)
Impresa esecutrice: Atena spa – Gruaro (VE)
Isolamento termico: STIFERITE FIRE B – spessore mm 90
Metri quadrati: 1.000

Isolamento Termico All posts
Nuovo presidente ANPE

Nuovo presidente ANPE Isolamento termico

ANPE Assemblea e rinnovo cariche sociali , eletto il nuovo Presidente Si è svolta a ...