Isolamento termico e coibentazione sottotetto abitabile e non


Il sottotetto che sia abitabile oppure no rappresenta una tipologia di unità immobiliare che può presentare parecchi fastidi dal punto di vista termico, questo perchè è localizzato in cima ad un edificio o villetta e quindi esposto alle intemperie 24 ore al giorno, che siano queste pioggia, raggi solari o neve.Di conseguenza il comfort abitativo può essere messo molto a rischio se la struttura non viene adeguatamente coibentata ed isolata termicamente, per far si che non ci siano punti deboli il sottotetto abitabile va isolato sia sui muri perimetrali sia sul tetto, in modo da avere un isolamento termico della superficie esterna completo che garantisca temperature costanti all’interno senza avere sbalzi termici con i passaggi da stagioni calde a fredde.

Come isolare sottotetto non abitabile

Per quanto riguarda la procedura di isolamento di un sottotetto non abitabile questa risulta meno complessa rispetto ad uno abitabile, la prima cosa da fare è sgomberare il piano da tutti i possibili fastidi ed oggetti ingombranti, una volta liberato va determinata una zona di passaggio da utilizzare nel caso in cui si debba risalire per aprire una finestra oppure effettuare altre operazioni, per effettuare l’isolamento termico di un sottotetto non abitabile si utilizzano di solito rotoli di lana di roccia oppure pannelli, l’importante che lo spessore sia superiore ai 10 cm per garantire che si rispettino i parametri indicati dal Decreto Legislativo 311 per tutti gli edifici di nuova costruzione. Una volta finita la posa dello strato isolante è possibile applicare uno strato di materiale isolante calpestabile nel punto in cui si è creata la zona di passaggio, in alternativa al materiale isolante calpestabile è possibile creare una struttura rigida che consente di inserire dell’isolante leggero al suo interno.


Come isolare sottotetto abitabile

A differenza del caso precedente per effettuare l’isolamento termico di un sottotetto abitabile che viene più comunemente chiamato mansarda, c’è bisogno di un lavoro più accurato e specifico in quanto l’isolamento non può essere a vista e deve essere effettuato anche per le pareti perimetrali. Per rendere un sottotetto abitabile bisogna proteggere l’unità abitativa dagli sbalzi termici esterni, quindi respingere il calore estivo verso l’esterno e trattenere il calore interno in inverno; in modo da ottenere un comfort abitativo sostenibile. Per il tetto che rappresenta il nodo cruciale della dispersione il materiale isolante che può essere pannello oppure schiuma va inserita tra le tegole e la struttura del tetto, così facendo si crea una ulteriore barriera  isolante che regola la trasmittanza termica del tetto. Un lavoro adeguato va effettuato anche sulle pareti perimetrali che sono perennemente esposte alle intemperie, in questa circostanza se la casa non permette di fare un lavoro esterno conviene creare un struttura interna che possa ospitare il materiale isolante che non deve superare i 5 cm di spessore; altrimenti si rischia di perdere troppa volumetria nell’involucro abitativo. Se bisogna isolare un sottotetto non riscaldato il consiglio è di aumentare i parametri di spessore dei materiali isolanti e di liberare possibili zone di ombra esterne dal perimetro della casa (alberi o strutture inutili) in modo da sfruttare il sole che entra dalle finestre per aumentare la temperatura esterna.

Isolamento sottotetto detrazioni e prezzo

Per quanto riguarda le detrazioni fiscali per ciò che concerne l’intervento di isolamento di un sottotetto queste sono soggette al 65% di detrazione fiscale dai redditi solo ed esclusivamente nei casi in cui l’intervento soddisfi i requisiti della normativa in materia di efficientamento energetico, inoltre l’intervento deve essere realizzato da una azienda specializzata in materia che possa rilasciare tutti i documenti necessari per attestare la bonarietà dell’intervento.Per quanto riguarda il prezzo dell’isolamento del sottotetto questo varia in funzione di più parametri, in primis l’accessibilità all’unità abitativa, se c’è necessità di montare una impalcatura o portare bracci esterni etc… altra variabile che incide sono i mq ed il materiale utilizzato per effettuare l’intervento, rotoli lana di roccia, poliuretano a spruzzo etc… mediamente per un intervento di questo genere si parla di circa 55/60 euro a metro quadro comprensivo di materiale isolante e manodopera.

Isolamento Termico All posts
Nuovo presidente ANPE

Nuovo presidente ANPE Isolamento termico

ANPE Assemblea e rinnovo cariche sociali , eletto il nuovo Presidente Si è svolta a ...