Isolamento termico copertura in legno


Il legno è un materiale Ecocompatibile e naturale, la sua lavorazione è semplice ed ha costi molto bassi, secondo dati ufficiali la costruzione di una casa in legno ha costi energetici inferiori del 70% rispetto ad una classica abitazione costruita in laterizio, inoltre ha caratteristiche tecniche quasi uniche tra cui grande flessibilità, riduzione totale dei ponti termici e ottime proprietà fonoassorbenti. Come già accennato in passato la zona della casa con maggiore dispersione termica è il tetto, cerchiamo di capire come è possibile effettuare l‘isolamento termico delle coperture in legno efficace e che generi un comfort abitativo ottimale.

Isolamento tetto in legno ventilato

Il tetto in legno ventilato rientra nei valori minimi di sfasamento e garantisce un ottimo comfort abitativo, grazie a queste sue caratteristiche rispetta i parametri imposti dal DL 311/06 relativo al rendimento energetico in ambito edilizio. La copertura ventilata permette di ottenere dal punto di vista igrometrico i migliori risultati, il doppio lavoro dello strato isolante che accumula ed assorbe calore abbinato al lavoro dello strato di ventilazione che elimina totalmente il fenomeno della condensa, che genera il consumarsi del materiale isolante nel tempo, ed espelle il calore che viene emanato dallo strato di coperturatetto.

Secondo alcune analisi il solo processo di ventilazione porta alla riduzione del calore trasmesso dal tetto fino al 40 % ed incrementa la capacità dello strato isolante, arrivando in alcuni casi a ridurre la temperatura interna anche di 6°, prima di effettuare un isolamento tetto in legno ventilato è fondamentale effettuare una analisi termografica dell’involucro abitativo.

Isolamento tetto in legno non ventilato

L’isolamento mediante tetti non ventilati è molto utilizzata nei tetti piani in quanto in mancanza di inclinazione non è possibile, a differenza in dei tetti ventilati in questa tipologia verrà a mancare la ventilazione che si va a creare in una intercapedine aperta tra lo strato isolante e la copertura. Nell’isolamento tetto in legno non ventilato per sopperire a questa ventilazione si utilizzano le barrire al vapore, nonostante questo è importante utilizzare materiali isolanti che abbiano una forte resistenza all’umidità e che quindi mantengano inalterate le proprie capacità termiche, quindi lana di roccia di vetro oppure prodotti naturali come il sughero.


Stratigrafia tetto in legno ventilato e non

Cerchiamo di approfondire nel dettaglio le stratigrafie generiche per tetti in legno ventilato e non:

Tetto in legno ventilato:

- Manto di copertura con tegole o tavole

- Ventilazione mediante passaggio di aria in intercapedine

- Telone impermeabile di protezione

- Materiale Isolante

- Supporto in legno per materiale isolante

Tetto in legno non ventilato:

- Manto di copertura

- Barriera al vapore per proteggere il materiale isolante dall’umidità

- Materiale isolante

- Supporto in legno per materiale isolante

Come coibentare ed isolare un tetto in legno esistente dall’interno

Nel caso in cui si presenti la necessità di migliorare l’isolamento termico di una abitazione con tetto in legno esistente, è importante che il lavoro sia fatto a regola d’arte affinché non si presentino brutte sorprese una volta ultimati i lavori, La prima cosa da fare quando si vuole isolare un tetto in legno esistente dall’interno è quello di controllare lo stato della struttura in legno portante, controllare che il legno sia uniforme e non presenti zone in cui sia in decomposizione per colpa di infiltrazioni o umidità, queste potrebbero cedere con il tempo, una volta stabilito che la struttura è intatta è possibile procedere in due maniere, la prima è quella di creare una controsoffittatura andando a creare una camera d’aria, dopodiché creare uno strato di almeno 10 cm di materiale isolante al suo interno. In alternativa se possibile inserire il materiale isolante tra le travi portanti del tetto in legno e chiudere andando ad applicare dei pannelli in modo da creare uno strato isolante, l’unica pecca di entrambe le soluzioni sono la riduzione della volumetria interna all’abitazione.

 

Isolamento Termico All posts